Fit for 55: Eurofer chiede maggiore protezione dalla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio

lunedì, 12 luglio 2021 16:22:06 (GMT+3)   |   Brescia
       

"Fit for 55" è il nome del pacchetto di proposte legislative con cui la Commissione europea si propone di raggiungere il nuovo obiettivo di ridurre del 55% le emissioni di carbonio entro il 2030. Eurofer, l'associazione dei produttori siderurgici europei, lo ha definito «uno dei più importanti e corposi insiemi di misure che l'Ue abbia mai predisposto in un'unica soluzione». Alcuni dei suoi capisaldi sono lo Schema di scambio di quote di emissione (ETS), il Meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera (CBAM), la revisione della direttiva sulla tassa sull'energia (ETD) e le modifiche alle direttive sulle energie rinnovabili (RD) e sull'efficienza energetica (EED). 

«L'industria siderurgica europea – ha affermato Eurofer – sostiene gli obiettivi del Green Deal e quindi comprende e sostiene la logica alla base del grande balzo del pacchetto Fit for 55, purché si dimostri essere una strategia di crescita». L'associazione auspica «un'efficace protezione dalla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, un sostegno alle tecnologie a basse emissioni di carbonio (attraverso strumenti di riduzione del rischio, come i contratti per differenza sul carbonio)», nonché «misure sul lato della domanda per creare mercati per l'acciaio "verde" e per l'energia a basso costo a prezzi accessibili».

Il settore siderurgico, ha ricordato Eurofer, già aveva l'ambizione di ridurre le emissioni di CO2 del 30% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2018 (che equivale al 55% in meno rispetto al 1990). Questa riduzione, tuttavia, «può essere ottenuta solo se il gran numero di progetti avanzati di decarbonizzazione guidati dalle società siderurgiche europee - oltre 100 in tutta Europa - sono coperti da un quadro UE solido e di supporto».

«Con il nuovo e più ambizioso obiettivo climatico dell'UE e l'aumento del prezzo del carbonio, è sempre più essenziale prevenire efficacemente la rilocalizzazione delle emissioni di carbonio», ha sottolineato l'associazione.

Axel Eggert, direttore generale di Eurofer, ha dichiarato che «una maggiore ambizione climatica richiede una protezione rafforzata, non indebolita, dalla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio. Costi del carbonio artificialmente più alti ostacolerebbero la capacità del settore siderurgico di ridurre le emissioni e raggiungere i suoi obiettivi. Anche prima dell'attuale revisione dell'ETS dell'UE, il settore doveva affrontare 30-45 miliardi di euro di costi dell'ETS tra il 2021-2030».

In linea con il voto del Parlamento europeo del marzo 2021, EUROFER chiede che CBAM ed EU ETS siano sistemi complementari, senza alcuna ulteriore riduzione dell'assegnazione gratuita al di sotto del livello di riferimento, né compensazione dei costi indiretti di CO2 almeno fino a quando non saranno stati potenziati i primi progetti di decarbonizzazione industriale.

Eurofer ha aggiunto che «lavorerà duramente per garantire che dal Fit for 55 venga creato il miglior quadro possibile, in modo da garantire che l'acciaio europeo possa continuare a essere competitivo durante la sua transizione verso un futuro verde e sostenibile».


Ultimi articoli collegati

Assofermet: dopo i dazi sull'alluminio, l'Ue sospenda anche la salvaguardia sull'acciaio

Benso (Assofermet): «Con l'import i distributori a loro rischio hanno dato continuità di fornitura»

Federacciai: la siderurgia italiana è in salute

Gozzi: «Sì agli obiettivi di decarbonizzazione, ma con equilibrio»

Pezzotti (Fersovere): «Ingiustificato tracollo dei prezzi del rottame»