Feralpi investe 60 milioni di euro in un nuovo laminatoio in Germania

mercoledì, 15 maggio 2019 14:43:48 (GMT+3)   |   Brescia,  Brescia
       

Il Gruppo Feralpi investirà in Germania 60 milioni di euro per incrementare di 400.000 tonnellate la produzione di ESF Elbe-Stahlwerke Feralpi GMBH (Riesa, Sassonia). Nel 2021 sarà pronto un nuovo laminatoio che produrrà tondo per cemento armato e rotoli nervati e che si aggiungerà al laminatoio esistente (900.000 tonnellate di tondo). L'impianto è ancora in fase di progettazione e non è stato scelto il suo fornitore. Il maxi investimento dimostra che la Germania continua ad essere il principale mercato su cui punta Feralpi in ragione della sua solidità e della sua forte recettività, grazie a progetti infrastrutturali che continuano ad alimentare una buona domanda di acciaio. 

Parlando dei risultati del gruppo, nel 2018 Feralpi Holding ha vissuto il migliore degli ultimi dieci anni: l'EBITDA è passato dai 99,6 milioni di euro del 2017 ai 126,2 milioni del 2018. Il risultato netto è ammontato a 53,7 milioni di euro, in crescita rispetto ai 30,6 dell'esercizio precedente. Il fatturato si è attestato a 1,32 miliardi di euro, contro gli 1,199 del 2017. Si conferma la forte propensione internazionale con una quota di fatturato generato all'estero del 62%. Tuttavia, mentre è calata la componente estera del fatturato legata ai paesi terzi, è aumentata quella riguardante il resto dell'UE. "Continuiamo a riuscire a cogliere le opportunità dei mercati del Nord Europa - ha dichiarato il Presidente del gruppo, Giuseppe Pasini -; in particolare, la nostra azienda tedesca sfrutta in pieno un mercato che sta andando ancora bene". Per quanto riguarda i paesi extra UE, "il ridimensionamento dei volumi destinati in Algeria, dovuto a cambiamenti della situazione di mercato, è stato in parte compensato da USA, Canada e Messico, nonostante questi siano mercati più difficili di quello algerino. Negli Stati Uniti siamo riusciti a vendere prodotti per 120 milioni di euro, perché i dazi di Trump hanno determinato un aumento dei prezzi locali", ha spiegato Pasini.

Sempre nel 2018, i volumi produttivi hanno fatto segnare una crescita, seppur contenuta: +2,3% per l'acciaio in billette, con 2,5 milioni di tonnellate. In salita anche la produzione di prodotti laminati a caldo con 2,1 milioni di tonnellate (+0,6%), mentre è rimasta sostanzialmente stabile la produzione di prodotti derivati a freddo con 987.000 tonnellate (-0,1%). "Nonostante le produzioni non siano aumentate di molto - ha spiegato Pasini - l'EBITDA è salito grazie a una migliore marginalità, dovuta a prezzi più alti". Una circostanza che difficilmente si presenterà nel 2019: "I volumi sono ancora buoni - ha detto il Presidente - in Italia sono aumentati del 5% nei primi quattro mesi sia in Italia sia in Germania, ma abbiamo già intravisto che il 2019 non sarà come il 2018 in termini di marginalità. Ciononostante, non penso che potremo lamentarci". Feralpi Siderurgica, che nel 2018 si era vista annullare dal Tar del Lazio una multa dell'Antitrust, conserva ancora un accantonamento prudenziale di 29,4 milioni di euro in vista della pronuncia definitiva del Consiglio di Stato, prevista per gennaio 2020, sul ricorso presentato dall'Antitrust.


Tags:
tondo , prod. lunghi , Italia , Europa , Feralpi , prod. siderurgica , investimenti , ris. finanziari , Unione Europea | articoli simili »