Ex Ilva, Invitalia rassicura ArcelorMittal: aumento di capitale in tempi brevi

mercoledì, 24 marzo 2021 13:24:45 (GMT+3)   |   Brescia
       

Invitalia è pronta ad investire in AM InvestCo Italy e a gestire l'ex Ilva, e respinge le accuse di inadempimento dell'accordo avanzate da ArcelorMittal. L'amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, in una lettera inviata alla multinazionale franco-indiana, ha voluto fare chiarezza dopo «l'esplicita accusa di inadempimento» e ha spiegato che per l'aumento di capitale da 400 milioni di euro per rilevare la quota di AM InvestCo «è in attesa» del via libera dei ministeri competenti. «Il Governo – ha assicurato – si sta attivamente adoperando per far sì che, nel più breve tempo possibile», anche prima del 13 maggio, data della decisione del Consiglio di Stato sul possibile spegnimento dell'area a caldo a Taranto, «possano essere autorizzate la sottoscrizione e la integrale liberazione del primo aumento di capitale».

L'aumento di capitale, ha sottolineato l'ad di Invitalia, «per vincoli amministrativi e negoziali» è destinato allo specifico scopo di svolgere l'attività produttiva assieme ad ArcelorMittal Italia anche «nel centrale e strategico stabilimento siderurgico di Taranto». 

Lo scorso 20 marzo ArcelorMittal, in mancanza dei 400 milioni di Invitalia, aveva annunciato la riduzione della produzione e un rallentamento dei piani di investimento per l'Ilva. Nella stessa aggiornata aveva fatto un passo indietro, almeno con i sindacati, rassicurando che la produzione e gli investimenti non avrebbero subito stop. 

Domani il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti incontrerà i sindacati metalmeccanici per chiarimenti sulla questione Ilva. 

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Ex Ilva, proclamato sciopero per il 23 aprile

AIC: ordini da Acciaierie Venete, Ferriera Alto Milanese e Siderúrgica Sevillana

ArcelorMittal alza i prezzi dei coils in Europa

Ex Ilva, per il governo il piano industriale necessita di un aggiornamento

Ex Ilva, venerdì incontro tra il ministro Giorgetti e i sindacati