Ex Ilva, dietrofront di ArcelorMittal sullo stop dell'Acciaieria 1

giovedì, 23 gennaio 2020 10:44:51 (GMT+3)   |   Brescia
       

L'Acciaieria 1 dello stabilimento di Taranto dell'ex Ilva non si fermerà oggi 23 gennaio ma continuerà l'attività per almeno altre due settimane o almeno fino a quando non sarà garantita la sicurezza dell'Acciaieria 2. Il passo indietro di ArcelorMittal Italia sulla decisione annunciata a inizio settimana è arrivato dopo che i sindacati, a seguito di tre deflagrazioni avvenute nell'Acciaieria 2, avevano chiesto all'azienda di «sospendere la scelta unilaterale di fermare l'Acciaieria 1, in quanto i continui rinvii e ritardi su manutenzione determinano, in caso di aumento produttivo, situazioni di pericolosità».

Per la fermata dell'Acciaieria 1 ArcelorMittal aveva annunciato una riduzione del personale da 477 a 227 unità, con 250 lavoratori in cassa integrazione ordinaria. Intanto il governo italiano e la multinazionale franco-indiana sono alla ricerca di un accordo entro il 31 gennaio: sarà necessario superare gli scogli degli esuberi e dello scudo penale, per evitare che a decidere sul recesso annunciato da ArcelorMittal a novembre sia un tribunale. 


Ultimi articoli collegati

Assofond: produzione in calo del 28,5% in gennaio-luglio

Ex Ilva, stop allo sciopero di 24 ore. Patuanelli: a breve l'assetto della newco

Ex Ilva, sale la tensione a Taranto dopo l'annuncio di nuove fermate

Ex Ilva, Gualtieri: decarbonizzazione tra le priorità del Recovery Plan

ArcelorMittal chiede il prolungamento della cassa integrazione con causale Covid-19