Evergrande, il rischio default del colosso cinese preoccupa il mercato siderurgico

martedì, 21 settembre 2021 15:53:48 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Spaventa la crisi di Evergrande Group, secondo maggiore sviluppatore immobiliare cinese. Il gruppo, con oltre 300 miliardi di dollari di debiti su 70 miliardi di fatturato, quest'anno ha visto il prezzo delle proprie azioni crollare dell'85%.  

Recentemente Evergrande ha annunciato di essere attivamente impegnato in discussioni con potenziali investitori in relazione alla vendita di partecipazioni in membri del gruppo e altre attività, con l'obiettivo di alleviare i problemi di liquidità. Il mese di settembre è in genere il periodo in cui le società immobiliari in Cina registrano le maggiori vendite di contratti di proprietà. Tuttavia, il susseguirsi di notizie negative da parte dei media in merito alla situazione in cui versa la società hanno affossato la fiducia dei potenziali acquirenti. Evergrande ha dichiarato di aspettarsi un «significativo e continuo calo delle vendite di contratti a settembre, con conseguente deterioramento continuo della raccolta di cassa da parte del gruppo, che a sua volta eserciterebbe un'enorme pressione sul flusso di cassa e sulla liquidità».

I timori di un default di Evergrande Group stanno generando grosse preoccupazioni riguardo al consumo di acciaio in Cina, poiché si prevedono non solo problemi nel settore immobiliare, ma anche possibili tagli ai prestiti per l'edilizia. Diverse fonti di mercato si aspettano che i futures sul tondo per cemento armato cinese e i prezzi sul mercato a pronti possano scendere a partire da domani, quando gli operatori cinesi saranno rientrati dalle festività locali. 

Sulla borsa di Shanghai il prezzo dei futures sul minerale con un tenore di ferro del 62% è sceso dell'8,4% in due giorni, dai 92,3 $/t di venerdì a 100,76 $/t. Un crollo innescato dall'acuirsi dei timori di un'ulteriore riduzione della domanda in ottobre-novembre e di un aumento dell'offerta.

La maggior parte degli operatori ritiene che i prezzi delle billette e del tondo di importazione possano essere influenzati dal peggioramento del clima in Cina. «Il mercato è davvero in pessime condizioni con il crollo del minerale di ferro e i problemi di Evergrande in Cina. Di conseguenza, sono scese le offerte dei trader» ha affermato un trader di Manila in merito al mercato delle billette. All'inizio di questa settimana, un fornitore russo di billette ha ricevuto un'offerta a 695 $/t CFR Manila, inferiore al precedente livello di 705-710 $/n CFR. «Mi aspetto un forte calo dei prezzi delle billette a causa di questa notizia» ha commentato un'altra fonte. Tuttavia, la velocità con cui caleranno i prezzi dipenderà molto dai tagli alla produzione di acciaio in Cina, che potrebbero continuare a supportare l'import di billette.

Nel mercato del tondo d'importazione in Asia, i prezzi non sono aumentati molto nelle ultime settimane, a differenza di quanto osservato nel segmento delle billette. Le ultime notizie dalla Cina tuttavia potrebbero avere un impatto negativo sulla domanda, in particolare a Singapore e Hong Kong.


Ultimi articoli collegati

Billette: si interrompe il rialzo delle offerte dai paesi CIS

Cina: il mercato siderurgico è in tumulto

Minerale di ferro, prezzi CFR Cina in forte diminuzione

Minerale di ferro, prezzi CFR Cina – 19 ottobre

Kardemir annuncia i volumi di vendita programmati per ottobre-dicembre