EUROFER: siderurgia europea schiacciata da importazioni e mercato interno depresso

martedì, 07 maggio 2019 15:26:28 (GMT+3)   |   Brescia
       

Il mercato siderurgico dell'UE-28 è cresciuto nel 2018 stando ai dati definitivi, tuttavia dovrebbe indebolirsi leggermente nell'anno in corso. Lo scrive la European Steel Association (EUROFER) in un comunicato stampa diffuso oggi 7 maggio. Secondo l'associazione, le misure di salvaguardia provvisorie, in vigore dalla metà del 2018, non sono riuscite ad impedire che le importazioni da paesi terzi aumentassero bruscamente nel corso dell'anno e, di conseguenza, i produttori siderurgici locali si ritrovano schiacciati dalle deviazioni di prodotti siderurgici a basso costo provenienti dal di fuori dell'UE.

"In un mercato dell'UE che è cresciuto del 3,3% lo scorso anno, le importazioni sono cresciute del 12,6% e le consegne nazionali soltanto dell'1,7% - ha sottolineato Axel Eggert, direttore generale di EUROFER -. Ciò evidenzia un'ulteriore perdita di quote di mercato per i produttori nazionali".

Secondo l'associazione, la graduale attenuazione delle misure di salvaguardia definitive - le quote verranno ampliate del 5% a luglio e di un altro 5% nel luglio 2020 - non è un meccanismo adeguato a fronte del previsto restringimento del mercato siderurgico dell'UE. "Dal momento che il consumo apparente di acciaio dovrebbe calare dello 0,4% nel 2019, la situazione peggiorerà per i produttori europei", ha sottolineato Eggert.

Secondo EUROFER, "le prospettive per la domanda di acciaio dell'UE sono contenute. Lo scenario di base per lo sviluppo dell'utilizzo finale dell'acciaio mostra solo una crescita marginale nel 2019 e nel 2020. Data l'incertezza che circonda attualmente il mercato siderurgico dell'UE sotto il profilo dei fondamentali della domanda e offerta, le scorte di acciaio saranno gestite con attenzione. Con gli inventari che risultano relativamente alti nella catena di distribuzione dell'acciaio all'inizio del 2019, si prevede che il consumo apparente di acciaio diminuirà dello 0,4% nell'intero anno. Il consumo di acciaio apparente potrebbe crescere dell'1,3% nel 2020".

"Dal momento che i dati doganali sono disponibili soltanto per pochi mesi è impossibile intuire già uno schema chiaro dei flussi commerciali. Tuttavia, con le importazioni che restano su livelli elevati e le esportazioni in ribasso all'inizio del 2019, la conclusione giustificata sembra essere che non vi sono prove di un allentamento delle pressioni concorrenziali sui mercati internazionali dell'acciaio. Dato che la sovraccapacità globale dell'acciaio resta stimata in 550 milioni di tonnellate dall'OCSE, è della massima importanza che singoli paesi e regioni eliminino le sovvenzioni che distorcono il mercato e altre misure di sostegno da parte dei rispettivi governi. Inoltre, questi paesi devono condividere dati e informazioni sul processo di riduzione della capacità al fine di facilitare il processo di riduzione dell'overcapacity laddove è più necessario ed evitare un'ulteriore proliferazione delle distorsioni commerciali".

Esaminando l'andamento dei settori utilizzatori, EUROFER ha affermato che "nel quarto trimestre del 2018 la crescita complessiva della produzione nei settori che utilizzano l'acciaio nell'UE si è ulteriormente raffreddata. Il rallentamento più forte è stato registrato nel settore automobilistico, seguito dal settore dell'ingegneria meccanica, dall'industria dei tubi in acciaio e dall'industria dei metalli. Nel frattempo, l'attività produttiva nel settore delle costruzioni non ha fatto registrare una decelerazione della crescita, bensì ha continuato a espandersi a un ritmo sano".

"Le prospettive per l'attività produttiva nei settori che usano l'acciaio nell'UE nel 2019 e nel 2020 sono piuttosto deboli, con venti contrari esterni ed interni che minano le prospettive - ha continuato EUROFER -. Mentre i consumi privati ​​e le spese governative continueranno a crescere, sia le esportazioni che gli investimenti rischiano di restare indietro rispetto alle aspettative in caso di una 'hard Brexit' e di una escalation delle misure protezionistiche globali. Il significativo grado di incertezza che le aziende stanno affrontando ha chiaramente il potenziale di portare a uno shock di fiducia negativo e a un rinvio delle decisioni di investimento fino a quando non emergerà maggiore chiarezza sulle condizioni commerciali e sulla Brexit. D'altra parte, una Brexit ben gestita e la risoluzione delle controversie commerciali tra Stati Uniti e Unione Europea costituirebbero un rischio al rialzo".

EUROFER prevede che la produzione nei settori che utilizzano l'acciaio nell'UE crescerà dello 0,9% nel 2019 e dell'1,1% nel 2020.


Ultimi articoli collegati

Brasile: confermato il dazio sulle lamiere da treno importate da quattro paesi

Pronti a partire i lavori per la nuova miniera di Evraz

Prezzi della vergella ancora stabili a Taiwan

Crescono le importazioni statunitensi di travi ad agosto

Rottame, cauto ottimismo sul mercato internazionale