EUROFER: meccanismo di adeguamento del carbonio alla frontiera minaccia la sopravvivenza delle aziende UE

martedì, 09 febbraio 2021 13:06:44 (GMT+3)   |   Brescia
       

Lo scorso 4 febbraio, la commissione Ambiente, Sanità pubblica e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo ha approvato, con 58 voti favorevoli, 8 contrari e 10 astensioni, la relazione "Verso un meccanismo UE di adeguamento del carbonio alla frontiera (CBAM) compatibile con il WTO", che sarà presentata per la votazione durante la prossima sessione plenaria del Parlamento europeo dell'8-11 marzo 2021. Secondo la European Steel Association (EUROFER), la relazione indica «l'intenzione che la maggiore ambizione dell'Ue in tema di cambiamento climatico non debba portare a una "rilocalizzazione delle emissioni di carbonio"», tuttavia «la proposta di eliminare gradualmente l'assegnazione gratuita parallelamente all'introduzione di un adeguamento del carbonio alla frontiera (CBA) creerebbe una grave minaccia per la sopravvivenza dell'industria siderurgica europea»

Ad oggi, ricorda EUROFER, il prezzo del carbonio è di 38 € per tonnellata di CO2, pertanto «i costi di produzione per l'industria primaria dell'acciaio salirebbero fino a circa 75 €/t» avendo un impatto «dirompente» sull'industria siderurgica dell'Ue e sulle relative catene del valore. Questo perché «i produttori europei e i settori a valle sosterrebbero costi elevati che minerebbero la loro capacità di investire in tecnologie a basso carbonio» e verrebbe compromessa la competitività delle esportazioni Ue verso paesi terzi. 

Secondo EUROFER, una maggiore ambizione climatica «richiede misure rafforzate di rilocalizzazione delle emissioni, in particolare per i settori a maggiore rischio come quello dell'acciao» e «il CBAM può dare una maggiore protezione dalla rilocalizzazione delle emissioni solo se prevede l'assegnazione gratuita al livello degli attuali benchmark e affronta le carenze delle misure esistenti durante un periodo di transizione». Il CBAM, ha concluso quindi EUROFER, «non è un sostituto dell'assegnazione gratuita nell'ambito dell'ETS UE: è un complemento necessario».


Articolo precedente

Ripresa del settore siderurgico, minacce e prospettive: il report di Allianz trade

26 lug | Notizie

Rottame, la situazione in Italia e in Europa

25 lug | Rottame e materie prime

Assofermet: la tendenza negativa nel mercato italiano del rottame persiste e si accentua

11 lug | Notizie

Presidente BIR: la revisione del regolamento sulle spedizioni di rifiuti causerebbe un eccesso d'offerta

15 giu | Notizie

Eurofer: l'estensione della salvaguardia contribuisce alla stabilità del mercato 

09 giu | Notizie

EuRIC all'IREPAS: la Commissione europea riconsideri l'impatto delle restrizioni all'esportazione di rifiuti

31 mag | Notizie

Obiettivi di emissione: appello delle industrie ad alta intensità energetica al Parlamento europeo

17 mag | Notizie

Export di rifiuti: Eurofer chiede misure più efficaci

12 mag | Notizie

Assofermet: commercianti di rottame in difficoltà

10 mag | Rottame e materie prime

Ex Ilva, per Confindustria Taranto necessario tutelare la produzione

04 mag | Notizie