EUROFER: l’UE garantisca idrogeno rinnovabile per la decarbonizzazione

mercoledì, 22 giugno 2022 12:25:19 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Rilasciata una dichiarazione congiunta da EUROFER, associazione di produttori di acciaio europei, e dalla società belga WindEurope, in una settimana cruciale per il futuro energetico e climatico europeo.
La richiesta rivolta all’Ue riguarda l’accelerazione dei tempi per la disponibilità e l’accessibilità economica di energie e idrogeno rinnovabili nelle industrie come quella siderurgica. Queste, infatti, sono pronte alla decarbonizzazione su larga scala, al fine di raggiungere la neutralità climatica e l’indipendenza dai combustibili fossili russi. 
Attualmente sono pronti 60 progetti a basse emissioni di carbonio per la decarbonizzazione a livello industriale che coprono i principali paesi e aziende produttori di acciaio dell’Ue. Il numero di progetti cresce mensilmente, e di conseguenza aumenta anche il loro fabbisogno di energia verde e di finanziamenti. Oggi l’investimento di capitale è fissato a 31 miliardi di euro, i costi operativi a 54 miliardi (dati antecedenti alla guerra della Russia in Ucraina), mentre il fabbisogno di elettricità “pulita” ammonta a 150 TWh, di cui la metà per la produzione di idrogeno, entro il 2030. Secondo le dichiarazioni di EUROFER e WindEurope, il potenziale di riduzione delle emissioni di carbonio equivale a un taglio del 55% rispetto ai livelli del 1990.
La realizzazione di questi progetti dipende dall’abbondante approvvigionamento di elettricità e idrogeno rinnovabili. EUROFER e WindEurope sostengono che l’energia eolica, data la competitività e la scalabilità, è perfettamente adatta per soddisfare questa domanda. Tuttavia, questo richiedere un’accelerazione nella diffusione.
«Chiediamo alle istituzioni dell’Ue e agli Stati membri – dichiarano Axel Eggert, direttore generale di EUROFER, e Giles Dickson, CEO di WindEurope – di raddoppiare i loro sforzi per garantire le forniture e rafforzare le catene di approvvigionamento necessarie per la transizione energetica e investire nelle tecnologie verdi di cui abbiamo bisogno, sia per i cittadini sia per l’industria».


Articolo precedente

EUROFER: la produzione di tubi dell’UE diminuirà dell’1,9% nel 2023

06 feb | Notizie

Turchia ancora principale fonte di importazione di prodotti finiti dell’UE

06 feb | Notizie

Europa Meridionale, lunghi: mercato locale ancora in difficoltà, le offerte import diventano più interessanti

03 feb | Lunghi e billette

EUROFER: la domanda dei settori che utilizzano l’acciaio rimarrà debole almeno fino al secondo trimestre

03 feb | Notizie

Prezzi dell’energia: un fattore chiave per il mercato metallurgico europeo nel 2022

03 feb | Notizie

Romania: i prezzi locali dei lunghi si indeboliscono

03 feb | Lunghi e billette

Coils a caldo: le acciaierie europee mantengono alte le offerte, incerto un ulteriore aumento

02 feb | Piani e bramme

EUROFER: il piano industriale Green Deal deve promuovere progetti siderurgici a basse emissioni di carbonio

02 feb | Notizie

Francia: in aumento a dicembre i prezzi alla produzione dell’industria

01 feb | Notizie

EUROFER chiede all’UE di includere i rottami nell’elenco delle materie prime critiche

27 gen | Notizie