Eurofer: forte ripresa dei consumi nella prima metà del 2021

venerdì, 29 ottobre 2021 17:12:11 (GMT+3)   |   Brescia
       

Nel secondo trimestre del 2021 il consumo apparente di acciaio nell'Ue-27 è ammontato a 40 milioni di tonnellate, mettendo a segno un incremento di ben il 40,5% rispetto allo stesso periodo del 2020, durante il quale i consumi erano stati estremamente bassi a causa dello shock economico dovuto alla pandemia di Covid-19. Tuttavia le previsioni riguardanti l'ultimo trimestre del 2021 e il primo trimestre del 2022 sono sempre più incerte. Lo ha affermato Eurofer, l'associazione dei produttori siderurgici europei, che recentemente ha pubblicato il suo ultimo "Economic Report" dal titolo "Economic and Steel Market Outlook 2021-2022". 

«Il forte rimbalzo osservato nella prima metà dell'anno, guidato dalla domanda del settore, ha probabilmente raggiunto il suo picco poiché una crescente incertezza sta rallentando la ripresa», ha dichiarato Axel Eggert, direttore generale di Eurofer. «Si prevede che la crescita dei settori utilizzatori continuerà fino alla fine del 2021, tuttavia a un ritmo più moderato a causa delle interruzioni nella catena di approvvigionamento globale – ad esempio la carenza di semiconduttori nell'industria automobilistica –, l'aumento dei prezzi dell'energia e l'instabilità della situazione pandemica», ha aggiunto Eggert.

Secondo l'associazione, il consumo di acciaio crescerà di circa il 13% nel 2021 e del 4,7% nel 2022, quando si prevede che supererà i livelli del 2017 grazie a un lieve ma continuo miglioramento dell'attività nei settori che utilizzano acciaio.

Rispecchiando il continuo miglioramento della domanda, nel mercato dell'Ue anche le consegne hanno registrato un'eccezionale crescita in termini di volumi nel secondo trimestre del 2021: +39,6%, dopo il +1% messo a segno nel primo trimestre.

I dati mostrano anche un massiccio aumento delle importazioni di acciaio: +45%, mentre erano state registrati diminuzioni nel primo trimestre del 2021 (-2,5%), nel 2020 (-17,2%) e nel 2019 (-10,9%).

Nel secondo trimestre del 2021 la produzione dei settori utilizzatori è cresciuta a un tasso eccezionalmente elevato (+29,2%), segnando il secondo aumento consecutivo dopo quello registrato nel primo trimestre (+2,8%).
Trainati dagli elettrodomestici e dall'automotive, i settori che utilizzano acciaio hanno registrato una robusta ripresa dopo l'allentamento delle misure di lockdown, a seguito di un calo della produzione senza precedenti (-25,4%) nel secondo trimestre del 2020.

Tuttavia, come accennato, Eurofer prevede che le gravi interruzioni riscontrate a partire da luglio di quest'anno nella catena di fornitura globale avranno un impatto significativo sulle prospettive complessive dei settori utilizzatori, almeno fino al primo trimestre del 2022. Il prossimo anno, secondo l'associazione, la maggior parte dei problemi riguardanti la catena di approvvigionamento dovrebbe attenuarsi o addirittura scomparire.


Ultimi articoli collegati

Acciaierie d'Italia, incontro con i sindacati sul ricorso alla Cassa integrazione ordinaria

Assofermet: mercato del rottame in tensione a dicembre

Sciamarelli (Eurofer): le sfide in corso dureranno almeno fino al primo trimestre 2022

Eurofer, Van Poelvoorde eletto per la quarta volte presidente

Cinzia Vezzosi (EuRIC): restrizioni all'export Ue di rottame? Serve gradualità