Crisi energetica, Cina approva riforma dei prezzi per contrastare i blackout

mercoledì, 13 ottobre 2021 11:36:32 (GMT+3)   |   Shanghai
       

In Cina, la commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme (National Development & Reform Commission, NDRC) ha annunciato con una nota che a partire dal 15 ottobre consentirà ai prezzi volatili dell’energia di salire ulteriormente per stabilizzare l’offerta, scarseggiante nell’ultimo periodo.

Nel paese, il costo dell’energia per il consumatore finale è regolato da una formula che utilizza un prezzo base e un prezzo volatile. Al momento, il valore più alto previsto per il prezzo volatile è il 10%, mentre l’estremo più basso si attesta al 15. Entrambi verranno portati al 20%.

Sempre secondo la commissione, i prezzi dell’energia sono determinati al 70% dal carbone. Recentemente, il rincaro dell’energia, la scarsa offerta sul mercato domestico e la minor disponibilità di carbone hanno portato a blackout in alcune regioni, con conseguenze negative per l’economia e la vita dei cittadini cinesi. Con questa mossa, la commissione nazionale per lo sviluppo intende aiutare l’industria energetica cinese a operare senza intoppi.


Ultimi articoli collegati

Cina: Shagang ferma alcune linee di laminazione

Cina: export di fogli in acciaio a +54% a settembre

Cina: produzione giornaliera di acciaio grezzo a +5,9% a inizio ottobre

Cina: prezzo del tondo a +4,1% a fine settembre

Cina: scorte di minerale in calo nei porti