Commissione UE: crescono le barriere commerciali a sfavore delle aziende europee

martedì, 18 giugno 2019 17:14:28 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il rapporto sulle barriere commerciali e gli investimenti (TIBR) redatto dalla Commissione Europea ha confermato il costante aumento delle barriere commerciali con cui le società europee si scontrano nei mercati esteri. Dalla fine del 2014 sono state eliminate 123 misure grazie alla ferma reazione dell’Unione Europea, consentendo oltre 6 miliardi di euro di esportazioni aggiuntive nel 2018.

Lo scorso anno sono state istituite 45 nuove barriere commerciali all’esterno del continente. È stato così raggiunto il numero record di 425 misure in 59 paesi diversi, le quali sono costate miliardi di euro ogni anno.

Cina e Russia si sono messe in evidenza approvando rispettivamente 37 e 34 misure commerciali. La Commissione ha sottolineato che il problema maggiore per l’export europeo deriva dai provvedimenti introdotti da Cina, USA, India e Algeria, che rappresentano l'80% di tutte le esportazioni dall'UE, in particolare legate ai settori dell'acciaio, dell'alluminio e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.


Ultimi articoli collegati

Minerale di ferro, prezzi al livello più basso da inizio settembre

Prezzi dei coils a caldo in discesa in Italia e in Nord Europa

Ucraina: export di semilavorati in diminuzione a settembre

Cresce l’export di lamiere in coils statunitense ad agosto

Prezzi della vergella ancora stabili a Taiwan