Coking coal, importazioni in calo in Turchia a settembre

giovedì, 19 novembre 2020 16:39:26 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Secondo quanto comunicato dall’Istituto di statistica turco (TUIK), nel mese di settembre di quest'anno le importazioni di coking coal in Turchia sono diminuite del 31,8% su base mensile e del 23,1% su base annua, attestandosi a 374.143 tonnellate. In valore l'import è ammontato a 38,22 milioni di dollari, registrando un calo del 34,6% su base mensile e del 52,2% su base annua.

Nel corso dei primi nove mesi dell’anno, le stesse importazioni hanno registrato una flessione del 2,6%, ammontando a 4,05 milioni di tonnellate. In valore, l'import ha raggiunto i 485,06 milioni di dollari, registrando un calo del 37,9% rispetto allo stesso periodo del 2019.    

Nel periodo in esame la Turchia ha importato 2.086.424 tonnellate di coking coal dagli USA. A seguire vi sono state le importazioni dal Canada, pari a 707.960 tonnellate.

Di seguito, l'elenco dei principali paesi fornitori di coking coal per la Turchia nel periodo gennaio-settembre.

Paese 

Volume (t) 

  

  

  

  

  

  

Gen-set 2020 

Gen-set 2019 

Var. (%) 

Settembre 2020 

Settembre 2019 

Var. (%)

USA

2.086.424

866.325

+140,84

69.112

238.794

-71,06

Canada

707.960

587.371

+20,53

165.451

-

-

Russia

481.141

367.876

+30,79

59.222

93.564

-36,70

Australia

408.868

2.075.657

-80,30

80.358

79.511

+1,07

Colombia

293.256

264.078

+11,05

-

74.655

-


Ultimi articoli collegati

Turchia: importazioni di minerale di ferro in calo nei primi nove mesi del 2020

Turchia: alcune acciaierie aumentano i prezzi d'acquisto del rottame

Turchia: importazioni di ghisa in crescita nei primi nove mesi

Rottame, crescono le importazioni in Turchia

Turchia: in crescita produzione e consumo di acciaio nei primi nove mesi del 2020