CISA: esclusi significativi aumenti dei prezzi degli acciai finiti in Cina

martedì, 09 ottobre 2018 12:32:33 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Secondo un nuovo rapporto pubblicato dalla China Iron and Steel Association (CISA), sono tre i fattori cui gli operatori del mercato degli acciai finiti dovranno prestare attenzione nel prossimo periodo.

Prima di tutto, a inizio settembre la produzione media giornaliera di acciaio grezzo dei membri CISA in Cina era ammontata a 1.972 milioni di tonnellate, in crescita del 3,69% rispetto a fine agosto, mentre la produzione media giornaliera totale di acciaio grezzo in Cina a 2,591 milioni di tonnellate, in crescita del 3,13% rispetto a fine agosto. L’aumento della produzione influenzerà negativamente il mercato siderurgico.

Secondariamente, al 14 di settembre i prezzi del fine-ore, del coking coal, del coke metallurgico e del rottame sono aumentati di 10 RMB/t (1,5 $/t), di 20 RMB/t (3,0 $/t), 108 RMB/t (15,6 $/t) e di 12 RMB/t (1,7 $/t) rispetto a fine agosto. Questi aumenti dei prezzi hanno esercitato una pressione negativa sulla redditività dei produttori siderurgici.

In terzo luogo, nei primi otto mesi del 2018 il volume delle esportazioni di acciai finiti cinesi è ammontato a 47,179 milioni di tonnellate, il 13,1% in meno su base annua, portando avanti il trend negativo dei mesi precedenti. Nel frattempo, l’escalation delle tensioni commerciali tra USA e Cina continuerà ad esercitare effetti negativi sulle esportazioni cinesi.

Al 14 di settembre, le scorte di acciai finiti sono ammontate a 10,01 milioni di tonnellate, aumentando dello 0,56% rispetto a fine agosto e di 2,07 milioni di tonnellate o del 26,08% rispetto ad inizio anno, mentre sono calate di 0,11 milioni di tonnellate rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-1,05%). Anche l’aumento delle scorte di acciai finiti in Cina eserciterà pressioni ribassiste sul mercato dell'acciaio.

Nel rapporto della CISA si legge anche che la Cina aumenterà gli investimenti ed espanderà il mercato domestico, con l'obiettivo di stabilizzare la domanda di acciai finiti. Tuttavia, il mercato domestico dell’acciaio continuerà ad affrontare il problema dell’eccesso di offerta dato dagli elevati livelli di produzione. Si prevede infine che, nel prossimo periodo, i prezzi degli acciai finiti non registreranno aumenti significativi in Cina, bensì seguiranno un andamento altalenante.


Ultimi articoli collegati

Italia, commercio extra UE: esportazioni a +5,2% in gennaio-novembre

Import statunitense di acciaio in calo del 17,3% nel 2019

USA: mercato degli OCTG in lieve ribasso, negative le previsioni sul prezzo del petrolio

Vale aumenta il livello di rischio nella diga Sul Inferior

USA: rallenta la produzione di acciaio grezzo nell'ultima settimana