CISA: difficile che i prezzi del minerale continuino a tendere al rialzo

lunedì, 18 febbraio 2019 13:57:35 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Secondo un nuovo rapporto diffuso dalla China Iron and Steel Association (CISA), al 31 gennaio le giacenze di minerale ferroso di importazione ai porti cinesi ammontavano a 140 milioni di tonnellate, evidenziando un calo dell’1,29% su base mensile, rimanendo su livelli relativamente alti dato che la situazione di oversupply nel mercato cinese del minerale di ferro non mostra alcuna variazione degna di nota.

Nel 2018, la Cina ha importato 1,064 miliardi di tonnellate di minerale ferroso, dato in calo di 10,22 milioni di tonnellate rispetto al 2017. Nello stesso anno, la Cina ha importato 205 milioni di tonnellate di minerale dal Brasile, circa 13,0 milioni di tonnellate in meno su base annua. Il crollo della diga in Brasile potrebbe interessare 40-60 milioni di tonnellate di minerale ferroso di Vale, che da solo rappresenta il 5% circa del volume complessivo di minerale di ferro importato dalla Cina. Perciò, secondo la CISA, gli operatori nel mercato dei metalli ferrosi in Cina non dovrebbero approfittare troppo dell'impatto del crollo della diga.

Stando a quanto riportato dalla CISA, a gennaio l’indice composito dell’acciaio (CSPI) è calato di 0,35 punti o dello 0,33% a 106,77 punti rispetto a dicembre.

Nel periodo dall’1 al 20 gennaio, la produzione media giornaliera di acciaio grezzo da parte delle imprese siderurgiche cinesi di medie e grandi dimensioni, tutte associate CISA, è ammontata a 1,8166 milioni di tonnellate, indicando una produzione media giornaliera di acciaio grezzo per tutti i produttori siderurgici in Cina di 2,3948 milioni di tonnellate, in calo del 2,47% rispetto a dicembre. Tuttavia, la produzione media giornaliera di ghisa nello stesso periodo è ammontata a 1,9938 milioni di tonnellate, in calo del 2,2% rispetto a dicembre, con conseguente minor richiesta di minerale di ferro d’importazione.

La CISA ha dichiarato che nel 2019 l’industria siderurgica cinese continuerà ad attuare riforme sul lato dell’offerta, che probabilmente eserciteranno un’influenza negativa sull’output di acciaio grezzo. Nel frattempo, con il crescente consumo di rottame, la domanda di minerale di ferro importato dovrebbe prima o poi diminuire. Allo stesso tempo, dato l’attuale periodo di bassa stagione per il consumo di acciai finiti, i loro prezzi domestici potrebbero registrare oscillazioni che influenzeranno i prezzi d’importazione del minerale di ferro. Secondo la CISA, i prezzi del minerale di ferro d’importazione difficilmente proseguiranno nella loro tendenza rialzista, ma dovrebbero piuttosto subire oscillazioni nel prossimo periodo.


Ultimi articoli collegati

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane

Coils a caldo, possibili sconti sui prezzi da parte dei produttori turchi per l'Italia

ArcelorMittal annuncia lo stato di forza maggiore in Francia