Cina verso il divieto dell'import di rifiuti solidi, mercato in attesa di nuovi standard per il rottame

venerdì, 27 novembre 2020 12:10:35 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Tutte le importazioni di rifiuti solidi saranno vietate in Cina dal 1° gennaio 2021 e l'import da materiali da riciclo come rottami siderurgici sarà soggetto a quote a partire dalla stessa data, secondo un documento rilasciato dai ministeri locali dell'Ecologia e dell'ambiente, del Commercio, dalla Commissione nazionale per lo Sviluppo e le Riforme e dall'Amministrazione generale delle dogane. Le autorità cesseranno di accettare e approvare richieste di importazione in base alle quote attuali dopo il 31 dicembre di quest'anno. Ciò significa che il sistema attuale non sarà più valido dal 2021.

La dichiarazione ha sollevato qualche preoccupazione tra gli operatori di mercato, tuttavia diverse fonti e funzionari governativi hanno precisato che il governo cinese ha intenzione di implementare un nuovo sistema di importazione di rottami in acciaio emettendo degli standard che impediranno l'ingresso nel paese di materiale di bassa qualità. Il materiale da riciclo che soddisfa i nuovi standard potrebbe essere importato e non rientrerebbe nel contingente. Una bozza del piano per i nuovi standard relativi ai materiali siderurgici da riciclo è stata pubblicata questo mese ed è ora nella fase di valutazione, secondo quanto annunciato dal China Metallurgical Industry Planning and Research Institute (MPI). 


Ultimi articoli collegati

Produzione di carbone in lieve aumento in Cina nel 2020

Carbone e lignite, crescono le importazioni in Cina nel 2020

Calano le scorte di minerale ferroso nei porti cinesi

Cina: da gennaio revocato il dazio del 2% sulle importazioni di rottami ferrosi

Cina: Shagang alza i prezzi d'acquisto del rottame