Cina, i tagli alla produzione trascinano l'import di minerale a -3,9% nel 2021

lunedì, 17 gennaio 2022 18:47:21 (GMT+3)   |   Shanghai
       

Nel 2021, l'import di minerale di ferro in Cina è diminuito del 3,9% in termini tendenziali, ammontando a 1,12 miliardi di tonnellate.

I dati provengono dalle autorità doganali cinesi. Il risultato era prevedibile, considerati i limiti alla produzione imposti dallo scorso giugno. Proprio a causa dei tagli, nella seconda metà dell'anno, il consumo di minerale di ferro è diminuito di almeno il 10%.

Nel mese di dicembre, la Cina ha importato 86,07 milioni di tonnellate di minerale di ferro, l'11,03% in meno su base annua e l'17,99% in meno su base mensile. Il calo è la conseguenza della debole domanda di minerale di ferro importato, un comportamento fisiologico durante la bassa stagione.

Nel frattempo, sempre a dicembre i prezzi dell'acciaio sul mercato interno cinese sono leggermente aumentati a causa delle fluttuazioni dei prezzi dei futures e di una leggera ripresa degli acquisti per scorte. Di conseguenza, i prezzi del minerale di ferro importato si sono rafforzati, determinando quel trend rialzista registrato nell’ultimo mese dell'anno.


Articolo precedente

Cina: produzione di minerale ferroso in calo a ottobre

Minerale di ferro: calano le importazioni in Cina

China Iron and Steel Association: prezzi dell'acciaio in forte rialzo in gennaio-settembre

Cina: cresce la produzione di minerale, cala l'import

Vale: oltre 371.00 tonnellate di iron ore vendute tramite WeChat e blockchain

Minerale ferroso, produzione cinese in aumento nel primo semestre

Cina: importazioni di minerale sotto i 90 milioni di tonnellate a maggio

Minerale ferroso, importazioni cinesi sotto i 100 milioni di tonnellate ad aprile

Scorte di minerale ferroso stabili nei porti cinesi

Minerale di ferro, crescono le importazioni cinesi nei primi tre mesi