Cina: banca centrale taglia i requisiti minimi di riserva per le banche

lunedì, 12 luglio 2021 12:30:23 (GMT+3)   |   Shanghai
       

La banca centrale cinese ha tagliato i requisiti minimi di riserva per le banche. L'obiettivo è quello di spingere gli istituti di credito a intensificare i prestiti alle piccole imprese e, quindi, di sostenere l'economia. La People's Bank of China ridurrà il coefficiente di riserva obbligatoria di 0,5 punti percentuali per la maggior parte delle banche. Ciò libererà circa 1.000 miliardi di yuan (154 miliardi di dollari) di liquidità a lungo termine nell'economia, secondo quanto ha affermato la banca centrale. Il nuovo requisito sarà in vigore dal 15 luglio e riguarderà tutte le banche eccetto alcuni piccoli istituti di credito che operano nelle aree rurali e il cui RRR è agevolato al 5%. 
Il coefficiente di riserva medio ponderato per il sistema bancario cinese sarà ridotto all'8,9%.
La banca centrale ha esplicitato che la mossa sul RRR punta ad aiutare le piccole imprese i cui conti sono in tensione dovendo fare fronte all'aumento dei costi operativi a causa del rialzo dei prezzi delle materie prime.

L'ultima volta che l'autorità monetaria cinese era intervenuta sui principali ratio era stata ad aprile 2020, quando stava cercando di rilanciare l'economia dopo le misure restrittive per contenere l'epidemia da Covid-19.


Ultimi articoli collegati

Cina: produzione giornaliera di acciaio grezzo a +5,9% a inizio ottobre

Cina: prezzo del tondo a +4,1% a fine settembre

Cina: scorte di minerale in calo nei porti

Cina: esportazioni di barre sotto le 500mila tonnellate ad agosto

Cina: cala la produzione giornaliera di acciaio grezzo