CELSA all'IREPAS: la minore domanda e l'aumento dei costi determinano la volatilità dei prezzi

lunedì, 10 ottobre 2022 15:58:25 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Durante la sua presentazione all’evento SteelOrbis & IREPAS in corso a Monaco, Alexander Gordienko, direttore export del gruppo spagnolo CELSA, ha condiviso alcuni dati macroeconomici tra cui le prospettive di crescita globale dell'FMI, indicando che la crescita globale rallenterà dal 6,1% nel 2021 al 3,2% nel 2022 e al 2,9% nel 2023. Gordienko ha affermato che sia le economie emergenti che quelle avanzate dovrebbero rallentare. Secondo le aspettative dell’FMI, le previsioni di crescita sono in calo per Ue e Usa, con la migliore performance attesa dall'India. Parlando di inflazione, Gordienko ha sottolineato che nell'Ue l'inflazione è guidata dai prezzi del cibo e dell'energia e il pericolo che l'industria siderurgica sta affrontando a causa dell'inflazione è il calo della domanda.

Commentando la produzione di acciaio, il funzionario della CELSA ha detto che la produzione mondiale di acciaio dovrebbe diminuire del 7,2% ovvero di circa 140 milioni di tonnellate nel 2022, rilevando che solo l'India produrrà di più quest'anno, con una produzione prevista in aumento del 7%. Dal lato dei consumi, si stima che nel 2022 il consumo di prodotti lunghi ammonterà a 864 milioni di tonnellate, in calo del 5,8% che, ha affermato, è un miglioramento rispetto alla previsione del 9-10% fatta durante l'ultima conferenza IREPAS tenutasi a maggio. Guardando a prodotti particolari, il consumo di tondo dovrebbe diminuire del 6,5% a 397 milioni di tonnellate nel 2022, mentre i cali stimati per vergella, laminati mercantili e profilati si attestano rispettivamente al 9,4%, 0,5% e 7%.

Per quanto riguarda i prezzi, Gordienko ha dichiarato che la minore domanda di acciaio finito e l'aumento dei costi di produzione determinano una grande volatilità dei prezzi. Guardando il differenziale tra rottame e tondo, il funzionario della CELSA ha affermato che le acciaierie devono ridurre le vendite a causa della domanda debole e dei costi elevati, aggiungendo che non ha senso ridurre i prezzi. Inoltre, con l'aumento del costo dell'energia, i paesi in via di sviluppo dovranno iniziare a trasferire i costi sui consumatori ed è ancora da vedere come le acciaierie saranno in grado di crescere con questi costi aggiuntivi. Rispondendo a una domanda sul costo dell'elettricità per tonnellata di acciaio prodotta, Gordienko ha affermato che la quota del costo dell'elettricità nella produzione era del 10% prima della crisi energetica, mentre oggi è salita al 50% o addirittura al 60% per tonnellata di tondo.

Concentrandosi sulla Cina, Gordienko ha commentato che nel paese è in atto una crisi finanziaria al rallentatore, poiché il mercato immobiliare continua a deteriorarsi dato che le nuove costruzioni che diminuiscono di oltre il 40% ogni mese da aprile di quest'anno. Ha anche affermato che il sistema di finanziamento in Cina, incentrato sugli investimenti infrastrutturali, non funziona più.


Articolo precedente

Bulgaria, prezzi degli acciai lunghi in forte calo a causa della bassa domanda e delle importazioni competitive

17 nov | Lunghi e billette

Bulgaria, in calo i prezzi locali degli acciai lunghi

20 ott | Lunghi e billette

Bulgaria: "boom" dei prezzi dei lunghi nell'ultimo mese

17 mar | Lunghi e billette

Bulgaria: prezzi dei lunghi in rialzo nell'ultimo mese

18 feb | Lunghi e billette

Bulgaria, aumenti per i prezzi dei lunghi dopo le feste

19 gen | Lunghi e billette

Bulgaria: prezzi dei lunghi prevalentemente in ribasso

20 dic | Lunghi e billette

Bulgaria: il rottame spinge in alto i prezzi dei lunghi

26 ott | Lunghi e billette

Bulgaria: prezzi dei lunghi in calo, migliora leggermente la domanda

27 set | Lunghi e billette

Bulgaria: prezzi dei lunghi in ribasso

03 set | Lunghi e billette

Bulgaria: crescono i prezzi di tondo, vergella e laminati mercantili

01 giu | Lunghi e billette