CELSA a IREPAS: il trend dei prezzi a livello globale è chiaramente rialzista

mercoledì, 23 settembre 2020 10:09:24 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Durante l'evento "SteelOrbis 2020 Fall Conference & 83rd IREPAS Meeting", che ha contato circa 450 partecipanti, Alexander Gordienko, direttore delle vendite internazionali del gruppo spagnolo CELSA, ha dichiarato che le proiezioni di crescita del PIL globale sono state riviste due volte a causa dell'incertezza nell'economia mondiale e che attualmente si stima un calo del 4,9% per quest'anno. Le più colpite sono le economie avanzate, con un calo previsto dell'8%, mentre i mercati emergenti dovrebbero vedere una riduzione del 3%. Inizialmente, ha ricordato Gordienko, si prevedeva che la pandemia di coronavirus avrebbe avuto un impatto maggiore nella regione asiatica; tuttavia, poiché questi paesi hanno gestito meglio il contagio, i paesi europei sono stati quelli che hanno subito un maggiore impatto sul PIL.

Nel 2020, ha affermato Gordienko, la produzione del settore delle costruzioni in Europa dovrebbe diminuire dell'11,5%. Per quanto riguarda il Regno Unito, nella seconda metà dell'anno lo stesso settore riceverà una spinta da parte del progetto del treno ad alta velocità HS2.

Secondo Gordienko, nel 2020 la domanda mondiale di acciaio dovrebbe diminuire del 6,4% a 1,65 miliardi di tonnellate, ovvero calare di 113 milioni di tonnellate rispetto al 2019. Le previsioni per il 2021 vedono invece una crescita della domanda di acciaio del 3,8% su base annua a 1,72 miliardi di tonnellate. Il manager di CELSA ha posto l'accento sul calo dell'export cinese, dovuto alla crescita della domanda interna di acciaio: «Tutti sappiamo che quello che sta succedendo in Cina ci sta influenzando. Nel 2020 il governo cinese ha annunciato il suo più grande piano di investimento di sempre».

Il consumo globale di prodotti lunghi è calato dell'8,5% nella prima metà dell'anno e del 3,6% nella seconda metà. Sempre a livello mondiale, la domanda di tondo per cemento armato ha subito una contrazione dell'1,8% nel primo semestre. In controtendenza la Cina, dove la domanda è cresciuta del 4,7% su base annua.

Commentando la differenza di prezzo tra tondo, vergella e billette su base FOB, Gordienko ha affermato che «è molto chiaro che l'andamento dei prezzi è rialzista, con la vergella che mostra la migliore performance. In passato i prezzi del tondo e della vergella erano quasi allo stesso livello. Ora – ha continuato – con i cambiamenti in termini di capacità di produzione della vergella e con la Cina che ha smesso di esportare, la differenza è aumentata». Secondo Gordienko, un altro motivo per cui la vergella è più forte rispetto ad altri prodotti è la combinazione tra le poche scorte di prodotto, l'aumento della domanda nel settore automotive e le fermate di alcuni impianti (soprattutto in Europa durante la prima metà del 2020). Secondo Gordienko, il mercato della vergella sta trascinando quello del tondo e almeno fino alla fine dell'anno «vedremo altri aumenti di prezzo per i prodotti finiti». 

Rispondendo ad una domanda sulla ripresa dell'industra siderurgica dopo le varie fermate, Gordienko ha affermato che «la domanda ha avuto un'inversione, ma varia molto da regione a regione. Alcuni paesi europei hanno avviato nuovi lockdown, e ad esempio il governo britannico sta pensando a un secondo lockdown che sicuramente avrebbe un impatto sul nostro settore». Secondo il sales manager di CELSA, «le previsioni nel complesso sono ancora molto positive per la seconda metà dell'anno poiché il mercato si sta riprendendo molto velocemente. Tuttavia, occorre osservare le specificità dei singoli paesi dal momento che in alcune parti del mondo ci sono chiaramente dei problemi». 

In risposta ad un'altra domanda relativa al settore edile, Gordienko ha affermato che la necessità investimenti nel settore delle infrastrutture negli USA potrebbe rappresentare un'opportunità per il settore siderurgico. «Stiamo entrando in un grande periodo di incertezze - ha continuato -. La gente si è abituata a lavorare da casa; costruiremo nuovi uffici? Ci siamo abituati a comprare online; costruiremo nuovi centri commerciali? Non lo so. L'età media delle infrastrutture a New York è pari a 90 anni. Gli ultimi incendi in California sono stati causati dal crollo delle linee elettriche che avevano ganci di ferro vecchi di cento anni. Gli Stati Uniti dovranno investire in infrastrutture e noi speriamo di poter essere coinvolti in questo».

Rispondendo ad una domanda su come mai il prezzo del tondo non è crollato durante la pandemia – al contrario dei prezzi di altri prodotti – ha affermato che «i produttori di tondo sono basati su forni elettrici, di conseguenza lavorano con margini molto ristretti, in funzione dei prezzi del rottame. La pandemia ha creato una carenza di rottame. A causa del lockdown non c'è stata la raccolta porta a porta e ciò ha creato una pressione rialzista sui prezzi del rottame. Il secondo fattore [a sostegno del mercato del tondo] è stato probabilmente la Cina, la quale ha importato enormi quantità di semilavorati impedendo che si verificassero significative diminuzioni di prezzo» ha concluso Gordienko.


Ultimi articoli collegati

Acciaio, produzione mondiale in calo nei primi nove mesi del 2020

Rottame, prezzi stabili nell'ultimo scambio USA-Turchia

Tondo, grossa vendita dalla Turchia verso gli USA

Rottame, prezzo USA al di sotto dei 295 $/t CFR Turchia

Kardemir, volumi di vendita previsti per il trimestre ottobre-dicembre