CAP Group, le operazioni presso il porto di Guacolda dovrebbero riprendere a settembre

lunedì, 08 aprile 2019 15:19:50 (GMT+3)   |   San Paolo
       

In base a un documento depositato presso la commissione nazionale per i titoli e gli scambi, il produttore siderurgico e minerario cileno CAP Group ha comunicato che le operazioni presso il proprio porto di Guacolda potrebbero riprendere a settembre di quest’anno.

Il porto in questione, situato nella regione di Huasco, era stato chiuso a novembre 2018 in seguito ad un incidente mortale avvenuto durante il caricamento di una spedizione di minerale di ferro. Guacolda è un porto di CAP Group destinato alle spedizioni di pellet e materie prime correlate.

CAP Group ha espresso l'intenzione di installare un'attrezzatura provvisoria per le operazioni di carico delle navi in sostituzione dell'equipaggiamento precedente, danneggiato durante l'incidente. L’attrezzatura sarebbe utilizzata provvisoriamente per una durata di due anni, finché non saranno ristabilite in pieno tutte le attività.

La società ha dichiarato che un suo impianto di pellet presso Bahia de Santa Barbara, a circa 2,5 miglia dal porto di Guacolda, ha ripreso le operazioni lo scorso 1° aprile dopo aver portato a termine un programma di manutenzione.


Ultimi articoli collegati

USA annunciano nuovi dazi su prodotti derivati dell'acciaio e dell'alluminio

JSW Steel, utile netto in diminuzione nei primi nove mesi dell'anno fiscale

Cina: prezzi di cromo e ferrocromo – settimana 4

In calo le importazioni statunitensi di tubi strutturali a novembre

Coils zincati a caldo, stabili le offerte indiane