British Steel verso lo sviluppo di un «futuro sostenibile» dopo l'acquisizione da parte di Jingye

mercoledì, 10 marzo 2021 18:34:07 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il produttore siderurgico britannico British Steel, dopo essere stato acquisito dalla società cinese Jingye Group nel marzo 2020, ha dichiarato di avere iniziato a «sviluppare un futuro più sostenibile» grazie al supporto della nuova casa madre. 

Secondo la società, Jingye Group concentrerà i propri investimenti sulla riduzione delle emissioni, il mantenimento degli impianti, la garanzia di produzione, la riduzione dei costi, il supporto a una crescita "pulita" e la creazione di nuovi posti di lavoro. 

Nell'ultimo anno British Steel ha conseguito significativi miglioramenti operativi, lanciato nuovi prodotti e introdotto un'attività continua (24 ore al giorno, 7 giorni su 7) presso le acciaierie di Teesside e Skinningrove, nonché ripreso il controllo operativo del terminal Immingham Bulk. 

La società ha dichiarato di aver iniziato a «trasformare le perdite in profitti. Stiamo aumentando la produzione, riducendo i costi, crescendo in nuovi mercati e siamo nella posizione giusta per dare un contributo significativo alla ripresa economica del Regno Unito. Abbiamo ancora molte sfide da superare, ma i progressi fatti ci rendono molto ottimisti». 


Ultimi articoli collegati

Tata Steel Europe introduce un "carbon surcharge" sui contratti in Europa e Regno Unito

Primetals fornirà un secondo forno elettrico Quantum a Tosyali in Turchia

Consorzio cinese sigla memorandum per lo sviluppo di un deposito di ferro in Algeria

Primetals Technologies: nuova commessa da AM/NS Calvert negli USA

British Steel annuncia investimenti in produzione e performance ambientali