Auto, la crisi del chip ferma lo stabilimento Opel di Eisenach

lunedì, 04 ottobre 2021 15:47:04 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Opel ha annunciato la chiusura temporanea dello stabilimento di Eisenach a causa della carenza sia di semiconduttori sia di manodopera creata dalla pandemia.

Lo stop sarà di almeno tre mesi, visto che il costruttore tedesco di auto si augura di poter riaprire per l'inizio del 2022.

La chiusura, unita al ricorso al Kurzarbeit (strumento tedesco analogo alla cassa integrazione italiana) per i circa 1.300 lavoratori coinvolti, ha sorpreso i sindacati, che hanno lamentato la mancanza di una discussione sul tema nella riunione dello scorso 28 settembre con la direzione aziendale. 

Opel ha deciso di concentrare l'intera produzione della Grandland X nell'mpianto francese di Sochaux, dove non ci sarebbe alcun piano per interrompere o, comunque, rallentare le catene di montaggio.


Ultimi articoli collegati

Dillinger Group fornirà le fondazioni monopalo per Kriegers Flak

Primetals e ThyssenKrupp uniti per una tecnologia da altoforno innovativa

Germania: prezzo del minerale ferroso importato in calo ad agosto

ThyssenKrupp: entrata in funzione la nuova linea di forgiatura a Homburg

Salzgitter Flachstahl fornisce a BSH Hausgeräte acciaio "verde" per la produzione di elettrodomestici