Assofermet: "position paper" sull'export Ue di rottame

giovedì, 01 luglio 2021 14:50:00 (GMT+3)   |   Brescia
       

Assofermet, che già pochi giorni fa si era opposta a qualsiasi blocco delle esportazioni di rottame dall'Ue, ha diramato oggi un "position paper" sullo stesso argomento. Il documento, che può essere scaricato cliccando qui, contiene a supporto di quanto sostenuto dall'associazione alcuni dati statistici di settore a livello nazionale e Ue. 

Assofermet ha ribadito che l'export di rottame ferroso «rappresenta tuttora l'unica soluzione percorribile per evitarne un accumulo eccessivo sul territorio dell'Unione e l'innescarsi di conseguenti problematiche ambientali». L'associazione ha evidenziato anche che «a fronte della discesa della produzione Ue di acciaio da rottame negli anni dal 2018 al 2020, si è verificato un automatico e naturale incremento delle esportazioni di rottame dalla Ue». 

In conclusione, Assofermet ha auspicato un'altra volta «che venga scongiurata qualsiasi forma di blocco dell'export, ad esempio con le paventate modifiche al Reg. CE n. 1013/2006 e s.m.i., aprendo in parallelo un dialogo costante e condiviso finalizzato ad ottenere e sviluppare il maggiore utilizzo possibile dei rottami ferrosi nei cicli produttivi della Ue». 

«Se questo percorso virtuoso – si legge ancora nel documento – porterà, nei tempi e con i modi adeguati, all'utilizzo di tutto il gettito di rottami esistente all'interno dell'Unione, mantenendo la catena del valore a tutti i livelli e raggiungendo al contempo gli ambiziosi e fondamentali obiettivi di sostenibilità ambientale, sarà sicuramente un successo epocale per l'intera nostra filiera».


Ultimi articoli collegati

Italia: cala il prezzo del rottame

Italia: battuta d'arresto per il mercato del rottame

Cesare Pasini (Feralpi) lancia l'SOS infrastrutture. Sull'export di rottame: necessari dei paletti

Assofermet Rottami: cambio ai vertici

Italia: ancora forte il prezzo del rottame