ArcelorMittal riattiva due altiforni in Francia e Germania

lunedì, 28 settembre 2020 12:10:10 (GMT+3)   |   Brescia
       

ArcelorMittal ha riavviato di recente l'altoforno n. 1 presso lo stabilimento francese di Fos-sur-Mer. L'impianto era stato fermato lo scorso 23 marzo a causa del calo della domanda dovuto a sua volta alla diffusione del contagio da coronavirus. Fonti di stampa locale hanno riferito che la notizia è stata accolta con sollievo da parte dei lavoratori dopo le delusioni scaturite dai rinvii della ripartenza nei mesi scorsi. L'altoforno n. 2 nel frattempo non ha mai cessato di funzionare. 

La scorsa settimana il colosso dell'acciaio ha riattivato anche l'altoforno n. 3 del sito di Brema in Germania, che era fermo dallo scorso ottobre, ben prima cioè dello scoppio della pandemia. 

Entrambe le ripartenza sono attribuite al recente incremento della domanda e dei prezzi dell'acciaio, ma anche all'assenza del forno B di ArcelorMittal Gent (Belgio), dove è in corso la ribasatura. 

Già verso la fine di agosto ArcelorMittal aveva riavviato l'altoforno n. 3 presso lo stabilimento di Dunkerque, nel nord della Francia. L'impianto, che ha una capacità di 3 milioni di tonnellate l'anno di acciaio grezzo, era stato fermato lo scorso 23 marzo. 

Dalla fine di giugno ad oggi i prezzi dei coils laminati a caldo (HRC) in Europa sono cresciuti di circa 100 €/t. 


Ultimi articoli collegati

Synergo Capital cede a Commerciale Tubi Acciaio la sua quota in Raccortubi

Ex Ilva, ArcelorMittal proroga gli ammortizzatori sociali per 13 settimane dal 16 novembre

Acciaio, Worldsteel prevede un calo della domanda del 2,4% per quest'anno

Ex Ilva, governo ai sindacati: tra gli obiettivi la transizione green e la piena occupazione

Tenova: ordine da ThyssenKrupp per un forno walking beam