ArcelorMittal, performance operativa superiore alle aspettative nel terzo trimestre

giovedì, 05 novembre 2020 18:11:50 (GMT+3)   |   Istanbul
       

Il colosso mondiale dell'acciaio ArcelorMittal ha comunicato i risultati finanziari relativi al terzo trimestre e al periodo gennaio-settembre di quest'anno. 

Nel terzo trimestre, la società ha riportato una perdita netta di 261 milioni di dollari, rispetto alla perdita netta di 559 milioni di dollari del secondo trimestre. Nello stesso periodo, i ricavi di vendita sono ammontati a 13,26 miliardi di dollari contro i 10,97 miliardi del trimestre precedente. L'EBITDA si è attestato a 901 milioni di dollari, segnando un incremento del 27,4% su base annua e superando le aspettative.

Lakshmi N. Mittal, CEO di Arcelormittal, ha dichiarato che «nel terzo trimestre la performance operativa del gruppo è migliorata in contemporanea con la graduale ripresa dei mercati siderurgici dalle difficoltà del secondo trimestre, dopo la fine dei lockdown. Tutti i settori hanno mostrato miglioramenti della domanda. In particolare, Brasile, Sudafrica, Kazakistan e Ucraina hanno mostrato un miglioramento della redditività particolarmente incoraggiante. Il nostro segmento minerario – ha continuato Mittal – ha registrato una forte performance sfruttando il contesto dei prezzi più elevati del minerale di ferro e riuscendo a superare gli obiettivi di produzione».

Nei primi nove mesi del 2020, la società ha riportato una perdita netta di 1,94 miliardi di dollari, rispetto alla perdita netta di 572 milioni di dollari del terzo trimestre 2019. I ricavi di vendita sono ammontati a 39,08 miliardi di dollari, in calo del 29% su base annua. L'EBITDA si è attestato a 2,57 miliardi di dollari, segnando una contrazione del 39,8% su base annua.

Nel terzo trimestre, la produzione di acciaio grezzo è ammontata a 17,2 milioni di tonnellate, registrando un aumento del 19,4% rispetto al secondo trimestre, mentre l'output di minerale di ferro ha raggiunto 14,8 milioni di tonnellate, facendo registrare un incremento del 9,6%, principalmente grazie alla maggior produzione presso ArcelorMittal Mines Canada a seguito della ripresa dall'impatto della pandemia ad aprile. 

Nei primi nove mesi del 2020, la società ha prodotto 52,7 milioni di tonnellate di acciaio grezzo e 42,7 milioni di tonnellate di minerale di ferro, registrando rispettivamente un calo del 24,8% e un aumento dello 0,9% su base annua.

Le spedizioni di minerale di ferro nel terzo trimestre sono state pari a 9,8 milioni di tonnellate, in crescita del 7,5% rispetto al secondo trimestre, principalmente grazie all'incremento delle spedizioni di ArcelorMittal Mines Canada. Dopo che i risultati hanno superato le aspettative nel terzo trimestre, la società ha rivisto le proprie stime per l'anno finanziaro in corso e si aspetta ora che le spedizioni di minerale di ferro saranno grossomodo stabili dopo essere calate del 5% nel 2019.

La produzione di acciaio grezzo nel segmento europeo è stata fortemente influenzata dalle misure di contenimento della pandemia. Nonostante ciò, durante il secondo e terzo trimestre, grazie all'allentamento delle misure, la domanda e i livelli di attività sono gradualmente migliorati, in particolare con i riavvii del settore automobilistico e manifatturiero. Di conseguenza, la società ha riattivato alcune capacità produttive in Francia, Spagna e Germania. Tuttavia, temendo l'impatto di una seconda ondata, la società ha affermato che si manterrà flessibile per adattare rapidamente la produzione all'evolversi delle condizioni di mercato.


Ultimi articoli collegati

Paul Wurth fornirà un impianto di cokeria a POSCO

Barış Çiftçi: possibile un indebolimento della domanda globale di acciaio nel lungo periodo

Voestalpine, ammodernamento della linea di ricottura continua a Linz

ThyssenKrupp: taglio di 11.000 posti di lavoro nei prossimi tre anni

Voestalpine in perdita nel primo semestre dell'anno fiscale