ArcelorMittal annuncia una temporanea riduzione della produzione in Europa

lunedì, 06 maggio 2019 15:01:46 (GMT+3)   |   Brescia
       

ArcelorMittal ha annunciato oggi 6 maggio che, a causa della debole domanda, ridurrà temporaneamente di 3 milioni di tonnellate la produzione di acciaio in Europa.

L'azienda sospenderà temporaneamente la produzione presso la sua acciaieria di Cracovia, in Polonia, e ridurrà la produzione nel suo stabilimento nelle Asturie spagnole. Inoltre, il programmato incremento delle spedizioni di ArcelorMittal Italia ad un ritmo di 6 milioni di tonnellate annua subirà un rallentamento in seguito alla decisione di ottimizzare costi e qualità della produzione. Nella sostanza, per l'Italia il rallentamento dovrebbe portare il livello produttivo a 5 milioni di tonnellate.
Interpellata dall'Ansa, l'azienda ha fatto sapere che "l'annuncio fatto oggi da ArcelorMittal non cambia nulla nella strategia a lungo termine di ArcelorMittal Italia: si tratta di un adattamento temporaneo agli attuali andamenti del mercato [...] Ambiente e Salute e Sicurezza - ha proseguito la società -  restano le nostre priorità assolute e non ci sarà alcun impatto sugli investimenti previsti per il piano ambientale e industriale. Continueremo a lavorare con determinazione e serietà per portare a termine tutti gli impegni presi".

L'aumento delle importazioni di acciaio in Europa nonostante le misure di salvaguardia adottate dall'UE, i costi elevati dell'energia e delle emissioni di carbonio stanno influenzando il contesto economico in cui operano i produttori di acciaio, ha spiegato ArcelorMittal.

ArcelorMittal premerà per un ulteriore rafforzamento delle misure di salvaguardia allo scopo di prevenire un aumento delle importazioni dovuto a sua volta a un indebolimento della domanda nei paesi vicini all'UE, come la Turchia. Il colosso dell'acciaio punta anche a far sì che le importazioni in Europa sostengano gli stessi costi delle emissioni di CO2 che si trovano ad affrontare i produttori europei.

"Nonostante l'introduzione delle misure di salvaguardia definitive dell'UE nel febbraio 2019, c'è stato un costante aumento delle importazioni di acciai piani in Europa", ha dichiarato ArcelorMittal. Le importazioni di prodotti piani nel Vecchio Continente sono ai massimi storici, con le attuali importazioni di coils laminati a caldo che, se annualizzate, superano del 37% i valori del 2017.

Solo l'acciaio prodotto in Europa è soggetto a una tassa sul carbonio nell'ambito del sistema di scambio di emissioni dell'UE (EU Emissions Trading System). Il prezzo della CO2 è aumentato di circa il 230% dall'inizio del 2018, ha sottolineato ArcelorMittal.


Tags:
Spagna , Italia , Polonia , Europa , ArcelorMittal , prod. siderurgica , Unione Europea | articoli simili »