AK Steel chiede che i dazi della Section 232 riguardino anche gli acciai elettrici a valle

giovedì, 02 agosto 2018 11:42:32 (GMT+3)   |   San Diego
       

Secondo quanto riportato dai media, AK Steel ha dichiarato che le tariffe della Section 232 dovrebbero riguardare anche i prodotti a valle come i trasformatori che utilizzano acciai elettrici. Durante una conference call con analisti, l’amministratore delegato di AK Steel Roger Newport ha affermato che l’estensione su quei prodotti nella catena di fornitura dei trasformatori elettrici “preverrebbe l’aggiramento e proteggerebbe le infrastrutture elettriche nazionali fondamentali e la sicurezza del paese”.

Newport ha dichiarato che sono necessarie misure di protezione in quanto gli USA hanno perso la propria base produttiva nel corso degli anni e AK Steel è attualmente l'unico produttore di acciaio elettrico negli Stati Uniti.

“Vediamo materiale che arriva attraverso Canada e Messico, ad esempio”, ha detto Newport. “Per questo è davvero necessario avere una soluzione completa, altrimenti offrirà solo un altro modo per aggirare le nostre leggi commerciali”.

Il presidente e direttore generale di AK Steel Kirk Reich ha dichiarato nel corso della conference call che la società sta lavorando con il dipartimento del commercio statunitense “e altri” per assicurarsi che i prodotti a valle siano protetti, in quanto alcuni consumatori di acciaio elettrico hanno minacciato di “recarsi all'estero” se i prodotti a valle non saranno coperti dalle misure.

In base ai risultati societari trimestrali, AK Steel ha effettuato spedizioni per 200.900 tonnellate di acciai elettrici nel secondo trimestre del 2018, dato in aumento del 5,2% rispetto alle 190.923 tonnellate dello stesso trimestre del 2017.


Ultimi articoli collegati

USA: confermati i dazi sul tondo proveniente da Turchia e Messico

Import statunitense di travi in aumento a luglio su base mensile

USA: previsto un aumento dei prezzi degli zincati a caldo

USA: produzione di acciaio grezzo in crescita nell'ultima settimana

USA: continuano le indagini sull'import di tubi da quattro paesi