AFV Beltrame Group, fatturato pari a 1,1 miliardi nel 2019

mercoledì, 17 giugno 2020 15:55:15 (GMT+3)   |   Brescia
       

Ricavi netti pari a 1,1 miliardi di euro (-11,3%), EBITDA adjusted di 74 milioni (contro i 113,7 del 2018). Questi in sintesi i risultati finanziari registrati dal gruppo vicentino AFV Beltrame Group nel 2019, secondo quanto comunicato dalla stessa azienda. 

Nello stesso esercizio i volumi di vendita sono ammontati a 2,032 milioni di tonnellate. In particolare, le vendite di laminati mercantili sono apparse in linea con l'anno precedente, pur registrando un calo della redditività da 81 milioni nel 2018 a 57,2 milioni di euro nel 2019. «I volumi di vendita – ha sottolineato Beltrame – beneficiano di una maggior vicinanza ai clienti proprio grazie all'allineamento produttivo creato negli stabilimenti italiani e francese che hanno proseguito nel processo di continuo miglioramento dell'efficienza mantenendo ottimi livelli di performance industriali». Sono cresciuti inoltre i volumi delle vendite di acciaio per l'edilizia prodotto nello stabilimento svizzero di Geralfingen (+3,5%), che tuttavia ha visto una riduzione della marginalità «per effetto della riduzione dei margini commerciali sui mercati europei delle costruzioni e la dinamica crescente dei costi energetici». Nel frattempo, la crisi del settore automotive e acciai in qualità ha avuto un impatto sul business SBQ prodotto nello stabilimento rumeno di Calarasi, dove i ricavi delle vendite sono scesi da 102,6 a 78,3 milioni di euro. 

Descrivendo lo scorso esercizio, il gruppo ha parlato di tre trimestri con dinamiche positive ai quali è seguito un quarto trimestre caratterizzato da un'estrema volatilità e fortissime oscillazioni di prezzo. «Si è trattato – si legge nella nota aziendale – di una conferma della ciclicità che il settore siderurgico periodicamente vive, affrontando un progressivo calo dei prezzi delle materie prime e dei prodotti finiti con un aumento del costo dell'energia e del gas, nel caso specifico».

Antonio Beltrame, presidente di AFV Beltrame Group, ha affermato che il gruppo dovrà affrontare grandi prove legate all'impatto dell'emergenza coronavirus. «Non ci sarà – ha detto – un ritorno rapido alla normalità, anzi la situazione di criticità si protrarrà senz'altro nel 2021». Ciononostante, «grazie alle azioni intraprese negli ultimi anni e alla solidità finanziaria» il gruppo sarà in grado di mantenere la sua leadership «continuando con gli investimenti per migliorare sempre il servizio e la gamma e le condizioni di sicurezza degli impianti». Investimenti che nel 2019 sono ammontati a circa 40 milioni di euro e che sono andati nella direzione di garantire sicurezza, qualità e innovazione. Inoltre, «ci si è concentrati sul miglioramento della gestione negli aspetti ambientali, in particolare in Italia a Vicenza e San Didero» dove «sono stati installati un sistema di monitoraggio continuo delle emissioni dell'acciaieria e nuovi sistemi filtranti delle emissioni delle officine meccaniche del laminatoio, è stata completata la rete di raccolta acque meteoriche con l'installazione di una vasca di laminazione e sedimentazione, predisposta un'area di deposito temporaneo scaglia laminazione; e così sono proseguiti i progetti di efficienza energetica per il contenimento dei consumi, un articolato piano di "cultura" del welfare in azienda» prosegue la nota. «Lo sviluppo sostenibile, soprattutto per aziende del nostro settore, è una scelta decisiva – ha commentato Barbara Beltrame, Head of Communications & Marketing AFV Beltrame Group –. La ripresa non può prescindere da azioni responsabili e "green", per un'economia circolare bisogna lavorare in questa direzione». Una strategia che porterà nel 2020 alla realizzazione del primo "Report di Sostenibilità" per il gruppo. 

Stefano Gennari


Ultimi articoli collegati

Ferriere Nord, revamping del forno elettrico ad opera di Danieli

Italia, commercio extra UE: in gennaio-maggio cala sia l'import sia l'export di acciaio

Federacciai: produzione italiana di acciaio grezzo in recupero anche a giugno

Acciaierie Valbruna, completato con successo il revamping del convertitore AOD

Fatturato e utile in crescita per Tuxor nel 2019