Acciaierie d'Italia: a breve la presentazione del piano per la transizione ecologica dell'ex Ilva

venerdì, 25 giugno 2021 10:50:28 (GMT+3)   |   Brescia
       

«Acciaierie d'Italia è pronta a presentare la propria proposta di piano per la transizione ecologica dello stabilimento di Taranto, con obiettivo "l'acciaio verde italiano"». Lo ha annunciato la società dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha disposto l'annullamento della sentenza del TAR di Lecce n.249/2021 e di conseguenza evitato la chiusura dell'area a caldo dell'ex Ilva. Acciaierie d'Italia ha dichiarato che presenterà «già dalla prossima settimana, insieme con i suoi partner industriali Fincantieri e Paul Wurth, la propria proposta di piano per la transizione ecologica dell'intera area a caldo dello Stabilimento di Taranto, tramite l'applicazione di tecnologie innovative ambientalmente compatibili e con l'obiettivo di una progressiva e costante riduzione delle quote emissive, che vada anche oltre le attuali prescrizioni». 

Paul Wurth si occuperà di verificare la fattibilità tecnica dell'implementazione di nuove tecnologie nell'impianto esistente per migliorare l'impatto ambientale e definirà gli input necessari all'analisi di fattibilità economica. ArcelorMittal lavorerà sulla verifica di fattibilità produttiva delle nuove soluzioni tecnologiche e dei relativi impatti economici/normativi/legali. Infine, a Fincantieri spetta il compito di verificare la fattibilità dei progetti, con riferimento in particolare a investimenti, tempistica, costi di gestione, in un'ottica di integrazione delle differenti attività di project management.

«Il piano – ha spiegato Acciaierie d'Italia – è un progetto di durata pluriennale allineato agli obiettivi di compatibilità ecologica stabiliti dall'Unione europea per i target di impatto climatico ed energetico ed è suddiviso in più fasi, tali da consentire la puntuale rilevazione dei risultati raggiunti». L'obiettivo è «la produzione di Green Steel nel nostro Paese. Acciaierie d'Italia è disponibile a verificare la proposta di piano di transizione ecologica e trasformazione industriale con tutti i soggetti coinvolti, dalle istituzioni alle comunità locali, al sindacato e agli operatori dell'indotto».


Articolo precedente

Ex Ilva, lieve perdita di polveri e lotta dopo manutenzione dell'Altoforno 1

13 giu | Notizie

Acciaierie d'Italia: la Corte d'Assise respinge la richiesta di dissequestro dell'area a caldo

01 giu | Notizie

Ex Ilva, rinviata al 2024 la salita di Invitalia al 60%

31 mag | Notizie

Ex Ilva, Procura di Taranto contraria al dissequestro dell'area a caldo

16 mag | Notizie

Ex Ilva, per Confindustria Taranto necessario tutelare la produzione

04 mag | Notizie

Aumento unilaterale dei prezzi, Assofermet chiede un confronto ad Acciaierie d'Italia

26 apr | Notizie

Acciaierie d'Italia alza i prezzi retroattivamente, protestano i distributori

16 mar | Notizie

Acciaierie d'Italia chiede la Cigs per 3.000 addetti

02 mar | Notizie

Acciaierie d'Italia, slitta la ripartenza del reparto Produzione lamiere

16 feb | Notizie

Acciaierie d'Italia: riparte la batteria 12

13 gen | Notizie